logo

Simbolici

  • Elementi della Medicina Cinese e dello shatzu: acqua
  • Elementi della Medicina Cinese e dello shatzu: fuoco
  • Elementi della Medicina Cinese e dello shatzu: legno
  • Elementi della Medicina Cinese e dello shatzu: terra
  • Elementi della Medicina Cinese e dello shatzu: metallo
  • Trittico il muro: la natura della morte - Il muro è rappresentato dalla prima opera: il muro della natura della morte col quale tutti noi ci dobbiamo confrontare, sin dal primo respiro. Infatti, la Signora della Terra è proprio la morte, che io rappresento imponente e al di sopra di tutto e di tutti, la nostra vita è completamente immersa nella materia e soggetta alla morte. Finché l’uomo rimane al di qua del muro vive una vita di sofferenza, di dolore  avendo un’immagine molto sbiadita del vero sé. Ma l’essere umano può oltrepassare il muro, spinto dalla reminiscenza di quello che era e sulla base della conoscenza. Dietro, nella parte nascosta, è rappresentata  “la Caduta” : noi tutti eravamo  entità divine nel regno originale, ma. Il desiderio di onnipotenza e  la disubbidienza alle leggi divine  hanno provocato l’espulsione di tali entità (microcosmi degenerati) dal regno divino, precipitandole nella “dimensione dialettica”, nel nostro mondo materiale.Noi, microcosmi degenerati , possediamo nel nostro cuore un atomo, una scintilla divina , un’ultima vestigia che ci unisce al regno d’origine
  • Trittico il muro:  presa di coscienza”-Dal buio alla luce, dalla natura della morte e della materia alla consapevolezza e coscienza dell’esistenza dell’altro in noi ,della nostra natura di origine divina. A sinistra il buio e un essere umano che si chiude gli occhi e non vuole andare verso la luce , non volendo  prendere coscienza e preferendo   rimanere nella natura dialettica,rimanendo  incatenato. In alto  Ouroboros (o Uroboro): un serpente che si morde la coda e  che rappresenta la natura ciclica delle cose di questo mondo. In centro un essere umano che prima si raccoglie in se stesso alla ricerca di qualche cosa dentro di se riuscendo a spezzare le catene di questa natura ed ad incatenare il diavolo che è dietro nell’oscurità e che rappresenta  la nostra natura duale ed il nostro ego. L’uomo si alza e comprende che deve aumentare la conoscenza ed entrare nei misteri, rappresentato con un libro aperto e la scritta: “Uomo, conosci te stesso e conoscerai l’universo e Dio” Vi sono poi 7 scale con 7 gradini che simboleggiano le sette chiese  e l’ascensione  come conoscenza, conquista, presa di coscienza, evoluzione progressiva In cima una spirale con i colori dello spettro solare ( gli stessi colori riportati nei gradini ) Sulla destra una donna violetta con una brocca da cui scorre l’acqua della vita In alto nell’angolo opposto un triangolo d’oro immerso nella luce Dietro sullo sfondo un caduceo d’oro, che simboleggia il cammino che ogni uomo deve compiere: dalla Luce al Nadir, dal Nadir alla Luce” Una donna che tiene nella mano  sinistra una fiamma e nella destra tre rose ( una bianca, una rossa e una oro ) che simboleggiano l’evoluzione dell’uomo nel cammino.
  • Trittico il muro: Liberazione-Il Tempio dello Spirito, della Gnosi in cui si compie il ritorno alla casa del Padre , la trasfigurazione e la liberazione dal ciclo della morte-rinascita. L’umanità è riuscita ad arrivare alla liberazione e a entrare nella porta del tempio e unirsi all’Uno. Il tempio è una figura antropomorfa violetta (il colore dello spirito) la cui mano destra sostiene il cuore e la sinistra la testa. Le due braccia formano un triangolo e l’unione tra  il cuore e la testa sono condizione necessaria al compimento del cammino :le nozze alchemiche tra l’anima e lo spirito. La figura antropomorfa ha le ali perché è una figura celeste divina Attorno alla testa  della figura antropomorfa  ci sono dodici  stelle, che sono il prodotto del  tre ( numero che simboleggia la divinità) per quattro ( numero che simboleggia l’umanità) , che rappresentano  la perfetta fusione tra l’umano e il divino nel mondo  ( prego notare che questa è una delle infinite interpretazioni possibili del numero dodici. Sulla fronte di questa figura antropomorfa , in corrispondenza del 6° chakra, è raffigurata una rosa d ‘oro :  il terzo occhio che simboleggia l’acquisizione della suprema sapienza o “Sophia”  In basso è raffigurato un occhio posto sopra una piramide tronca. La piramide è un simbolo di solidità e di durata ed essendo simile a una montagna rappresenta l’ascesa verso il Divino. Come l’occhio è il simbolo della provvidenza divina Il tempio è sorretto da due colonne ”Jachin” e “Boas”  :  le colonne del tempio di Re Salomone ( che rappresentano la dualità che si unisce ) ed ogni colonna ha 3 gradini ( corpo -  anima - spirito .) Dietro è raffigurato un  cerchio in cui vi è un triangolo d’oro e nel triangolo viene rappresentato l’infinito   Il Cerchio   è l’Unità ,il Tutto Il Triangolo ,rappresenta la trinità : il corpo, la mente lo spirito come anche la fiamma, il fuoco, la luce Nell’Infinito   non esiste lo spazio il tempo:  tutto è sempre esistito ed esisterà ( cf Ecclesiaste )   L’universo  è Dio , l’Infinito, l’Uno La figura  androgina è l’unione tra gli opposti come superamento del nostro mondo duale
  • Angelo
  • Resurrezione,trasfigurazione
  • Coscienza
  • Gambe
  • L’altra faccia di Garibaldi
  • La Fama (eneide)
  • Ogm
  • Umanita
  • Dalla morte alla rinascita
  • Misticismo tropicale
  • Inconscio
  • Madre terra
  • Mafia
  • Nozze alchemiche di Cristiano Rosacroce 1 giorno

Descrizione

Simbolici

 

 

In Opere